Easy-to-Clean

In Italiano "Rivestimento facile da pulire". Si tratta di un termine comune usato per indicare la caratterizzazione di superfici con proprietà superidrofobiche e in particolare lipofobiche supplementari. Alcune di queste superfici vengono anche definite "autopulenti". Easy-to-clean (facile da pulire) indica che le superfici possono essere pulite semplicemente con un panno. Ciò presuppone che lo sporco, in particolare le sostanze organiche a base di grassi e oli, non aderisca alla superficie. Questo implica una superficie lipofobica con un'energia superficiale inferiore a 20 mJ/m² e un angolo di contatto con l'acqua > 100. Generalmente, questa proprietà superficiale è associata anche a bassi coefficienti di attrito. Tali rivestimenti possono essere applicati con vari metodi, in particolare con il processo al plasma. Processi idonei sono i rivestimenti HMDSO,o strati simili al PTFE, generati mediante polimerizzazione al plasma. Applicazioni:

  • occhiali
  • altri componenti ottici (obiettivi di macchine fotografiche, ecc.)
  • superfici con elevati requisiti decorativi (telefoni cellulari)
  • tessuti
  • calzature

Non esistono ancora metodi di prova riconosciuti o requisiti standardizzati per superfici facili da pulire. Affinché gli effetti siano durevoli, i rivestimenti devono essere indelebili. Questo test, non ancora standardizzato, si è dimostrato valido per la verifica: un panno di cotone sostenuto da un elastico e caricato con circa 2,5 kg viene tirato con movimento oscillatorio sull'oggetto rivestito con migliaia di sollevamenti. Si ha un buon risultato se l'angolo di connessione non diminuisce di più di 5° dopo 5.000 sollevamenti. Nel caso dei vetri ottici generalmente ciò non costituisce un problema, a condizione che siano di vetro minerale. In questo caso, infatti, i rivestimenti antiriflesso possono essere applicati ad una temperatura più elevata, che li rende piuttosto compatti e stabili. Più problematiche sono le lenti per occhiali con rivestimento duro in plastica, che non tollerano temperature elevate. Di solito, i rivestimenti creati per evaporazione sono piuttosto ruvidi. Se non sono sufficientemente rivestiti o se lo strato a bassa manutenzione viene rimosso durante il test di pulizia, alcune particelle vengono asportate dalla superficie ruvida del rivestimento antiriflesso, con conseguente cedimento rovinoso dei rivestimenti antiriflesso e addirittura con danneggiamento della vernice.

torna al glossario

+49 7458 99931-0

Contatti telefonicamente un esperto

info@plasma.com

Ci comunichi la sua richiesta

Richiedere un preventivo

Sa esattamente cosa le serve?