Energia superficiale

L'energia superficiale è l'energia necessaria a disgregare i legami molecolari delle superfici dei liquidi. Se l'energia superficiale è alta, si riscontra un'elevata tendenza ad attirare altre molecole . I liquidi con un'elevata energia superficiale tendono a contrarsi stabilmente assumendo una forma sferica (forma con la minor distanza possibile tra le molecole di superficie). I liquidi a bassa energia superficiale presentano una minore coesione di forma e diventano più facilmente deliquescenti. Se un liquido entra in contatto con superfici a maggiore energia superficiale, l'attrazione delle molecole liquide in superficie è più forte del loro legame reciproco. Per questo i liquidi a bassa energia superficiale diventano deliquescenti su superfici con una maggiore energia superficiale.  Le superfici con proprietà dipolari (superficipolari ) presentano elevate energie superficiali perché esercitano intense forze dipolari su altre molecole e vengono quindi bagnate più facilmente dai liquidi. Il valore di misura dell'energia superficiale è l'energia per unità di superficie: [mJ/m²] = [millijoule per metro quadrato]. Nel caso dei liquidi, si usa generalmente il termine tensione superficiale [mN/m] = [millinewton per metro]. Il termine ha lo stesso significato in senso fisico (1 J = 1 Nm). Il valore dell'energia superficiale dei solidi è spesso espresso dalla formula [mN/m].<

torna al glossario

+49 (0)7458 99931-0

Contatti telefonicamente un esperto

info@plasma.com

Ci comunichi la sua richiesta

Richiedere un preventivo

Sa esattamente cosa le serve?