Radiazione UV

La radiazione elettromagnetica la cui lunghezza d'onda è inferiore (frequenza superiore) a quella della luce visibile è denominata "radiazione ultravioletta" o radiazione UV. Il nome indica la radiazione che va oltre il "viola", la lunghezza d'onda più corta della luce appena visibile. Il limite tra la radiazione viola e la radiazione UV, non più visibile, è di 380 nm. La fascia di radiazione UV si estende alla gamma di raggi X, la cui lunghezza d'onda è inferiore a 4 nm (secondo altre fonti è inferiore a 1 nm). La radiazione UV è presente nella radiazione solare. Tuttavia, le radiazioni con una lunghezza d'onda inferiore a 280 nm non arrivano fino alla superficie terrestre, ma vengono assorbite nell'alta atmosfera. Questa radiazione ad onde corte è denominata radiazione ionizzante perché è in grado di eccitare gli atomi a tal punto da convertirli in ioni, che scindono le molecole e le trasformano in radicali . In questo processo viene assorbita la radiazione UV. Nell'involucro d'aria, le molecole di O2 sono scisse in radicali di ossigeno da radiazioni UV ionizzanti. I radicali dell'ossigeno possono nuovamente aggregarsi per formare molecole di O2 e di O3. Le molecole di O3 sono denominate ozono Con questa reazione si assorbono praticamente tutte le radiazioni UV ionizzanti in strati d'aria molto elevati. Negli strati più profondi, quindi, non avviene una significativa formazione di radicali e di conseguenza di ozono. Pertanto, lo "strato di ozono" è limitato agli strati atmosferici superiori. Viceversa, le radiazioni UV, e in particolare le radiazioni ionizzanti, vengono emesse quando gli ioni positivi captano elettroni liberi e li ricombinano in atomi neutri. La riconversione dell'atomo allo stato di partenza avviene nel plasma parallelamente alla ionizzazione, all'eccitazione e alla formazione di radicali. Pertanto, vengono generate continuamente radiazioni UV (quando gli atomi eccitati ritornano allo stato di partenza si genera una radiazione visibile meno carica di energia, che conferisce al plasma la tipica luminosità). La radiazione UV generata nel plasma provoca inoltre la formazione di radicali sulle superfici del substrato, trasformando così i componenti solidi in particelle volatili. Questo processo è essenziale nel caso di puliziaattivazione e acidatura al plasma .

torna al glossario

+49 7458 99931-0

Contatti telefonicamente un esperto

info@plasma.com

Ci comunichi la sua richiesta

Richiedere un preventivo

Sa esattamente cosa le serve?