Acidatura di politetrafluoroetilene (PTFE)

Il politetrafluoroetilene (PTFE, Teflon) è difficilmente trattabile chimicamente, essendo praticamente inerte agli attacchi di quasi tutti i prodotti chimici. Le uniche eccezioni sono costituite da soluzioni di metalli alcalini, che incidono con acidatura superfici in PTFE formando fluoruri alcalini.  Un'eccellente alternativa è il trattamento al plasmanel  plasma a bassa pressione con idrogeno come gas di processo. I radicali dell'idrogeno reagiscono con il fluoro del PTFE formando fluoruro di idrogeno e abbandonando legami di carbonio insaturo, che rappresentano buoni punti di adesione per il deposito di molecole liquide. Il processo di acidatura al plasma crea una buona adesione del PTFE, ma è necessario il controllo del processo. Nel corso del processo di acidatura, il colore della superficie del PTFE cambia da biancastro a brunastro. L'acidatura al plasma del PTFE permette di evitare il trattamento problematico delle soluzioni alcaline molto aggressive. L'acidatura del PTFE nel plasma a bassa pressione è denominata anche attivazione del PTFE.

torna al glossario

+49 7458 99931-0

Contatti telefonicamente un esperto

info@plasma.com

Ci comunichi la sua richiesta

Richiedere un preventivo

Sa esattamente cosa le serve?